Ferdinando Todesco Pittore

Home Page

Pensieri su Tela

Ultime opere

Galleria Dipinti

La Mostra di Padova

Hanno Scritto

Biografia

Contatti

Vedi nuove opere

See new works



ferrovie






Ferdinando Todesco
® 2005-2017

 

 

Hanno scritto di Todesco

Maria Rosaria Verdicchio [2010]

Piergiorgio Ferrarese [2007]

Carlo Caporal [2007]

Paolo Rizzi [2005]

Vera Meneguzzo [2001]

Giorgio Trevisan [2001]

Antonio Corain [2001]

Ivano Mariotto [1998]

 

Galleria Dipinti

Dipinti di Todesco

Alla stazione partenze sul 2 binario, acrilico su tavola 50x60 (2011)

Treno della Notte

Ferdinando Todesco a l'è un pitore de San Bonofacio (VR) che el ga inparà a piturare par conto suo e cioè, par dirla in talian, a l'è un autodidatta.

In febraro el ga fato ‘na bela mostra inte ‘na galeria d'arte a Verona.

In chela ocasion el ga esposto i quadri che ghe piase dei pi e cioè queiche da tanti ani el va piturando su du sogeti fissi: i treni e i cimiteri de màchine.

E cussi in te le so piture a te vedi binari, stazion, roeiji (grovigli) defili de la corente lètrica, muci de machine sdrefà una sora chel'altra;el tuto co sul sfondo fabriche e ciminiere e fumo e caligo: quasi cheel fusse un purgatorio indoe che a ghe vive ‘na umanità senpre pi decorsa,senpre pi schiava del tempo, de la pressia e de la società.

In te le su stazion se vede treni in arivo o in partenza no se sa da e parindoe. I xe treni del sogno, del mistero, de la speranza e de la paura.Treni che no ga destinazion e i lassa a la fantasia de ci varda catare(trovare) indoe se vol nare.Le soe le se imagini che te fa rifletare, maanca sperare parché col treno dei pensieri e de i desideri se pol scapa-re da ‘na vita a olte mia massa bela e far volare le bandiere (aquiloni)anca in mezo al grigio del smog e a la spuzza dei gas de scarico de‘na grande cità.

In magio el ga fato n'antra mostra a Arcole (VR), el paese indoe chea l'è nato. Lì però el ghe ga zontà anca altri quadri co'de i altri sogeti: figure umane e paesaggi de le nostre tere. E a paréa na roba strania(strana) a vedare campi zali (gialli) de fromento co'le so bele macerosse de i papaveri. Aparea che na sventada (colpo di vento) inprovisa la gavesse parà ja (scacciato) el fumo che fasea grise (grigie) le stazion par mòare de qua e de là le spighe de fromento sul sfondo decieli azuri e senza nuvole.

 

Antonio Corain
Dal mensile "Quatro Ciàcoe" n. 12 Dicembre 2001